Feed RSS

Archivi tag: panna montata

Torta con la frutta (contro ogni mio buon principio :P )

torta alla frutta - fiocchi di burro

Chi mi conosce sa che non amo particolarmente la frutta, ma insomma, se la festeggiata vuole la frutta non ci resta che metterci all’opera!

Chiaramente questa torta è stata realizzata con la frutta di stagione disponibile a maggio.. ma insomma, potete farla in qualunque periodo dell’anno con la frutta a disposizione. L’importante è che vi muniate preventivamente di qualche tipo di gelatina con cui coprire la frutta, onde evitare che si ossidi diventando impresentabile nell’arco di qualche ora…

Ingredienti (per una teglia da 24 cm):

Pan di spagna:

  • 340 gr di uova (indicativamente 7, comunque si calcola sempre 100 gr in meno sia per lo zucchero che per la farina, io in questo caso ho ridotto di poco le dosi e ho sottratto 110 gr)
  • 230 gr di farina (Schar mix C)
  • 230 gr di zucchero
  • 1 bustina di vanillina
  • 1 cucchiaino scarso di lievito
  • 1 pizzico di sale

Crema pasticcera:

  • 500 ml di latte
  • 190 gr di zucchero
  • 4 tuorli
  • 70 gr di farina schar mix C o di maizena
  • 2 bustine di vanillina

Bagna:

  • 1/2 bicchiere d’acqua
  • un sacco di zucchero 😛 io vado a occhio, lo metto finché l’acqua non ne “assorbe” più
  • qualche cucchiaio di grappa

Decorazioni:

  • 200 ml di panna montata (se vi serve una panna a lunga conservazione o semplicemente priva di lattosio io usa la Hoplà che al gusto richiama molto la panna vera 😛 )
  • un po’ meno di 1/3 della crema pasticcera realizzata
  • 2 cucchiai di zucchero a velo
  • 1/2 bustina di pannafix
  • della gelatina per frutta (io ho usato quella Silkomart)
  • frutta di stagione: io ho utilizzato albicocche, pesche, fragole, ciliegie e kiwi (prendete sempre un po’ di frutta in più, potrebbe capitarvi di tagliarla male e doverne tagliare altra)
  • codetta

Preparazione:

Pesate le uova, tenendo però albumi e tuorli separati, per essere sicuri delle dosi che utilizzate (io ho usato 110 gr in meno di farina e di zucchero rispetto al peso delle uova). Montate gli albumi a lucido con circa un terzo dello zucchero.
Montate lo zucchero rimasto con i tuorli per almeno 5 minuti a velocità media. Aggiungete una parte degli albumi e mescolate dall’alto verso il basso per non smontarli. Aggiungete la farina setacciata con lievito e sale e continuate a mescolare l’impasto a mano sempre per non smontare gli albumi. Incorporate gli albumi rimasti e versate il composto in una teglia imburrata e infarinata.
Cuocete per circa 45 minuti a 180°. Se doveste notare che il pan di spagna inizia a prendere troppo colore durante la cottura potete abbassare la temperatura a 160°/170°. Potete tranquillamente preparare il pan di spagna la sera prima.

Mettete il latte con la vanillina in una pentola a scaldare, nel mentre montate i tuorli con lo zucchero e poi incorporate la maizena o la farina. Aggiungete poco alla volta il latte e ottenuto un composto omogeneo riversate tutto in pentola e fate cuocere girando di tanto in tanto finché la crema non si rassoda. Togliete dal fuoco e lasciate raffreddare.

Preparate la bagna scaldando in un piccolo pentolino l’acqua e lo zucchero e aggiungendo la grappa solo a fuoco spento quanto l’acqua sarà calda e lo zucchero sciolto.

Tagliate il pan di spagna in tre dischi (per tagliarlo deve essere freddo, se non lo avete preparato il giorno prima lasciate passare almeno alcune ore).
Posizionate il primo disco sul piatto da portata e con l’aiuto di un pennello da cucina bagnate il pan di spagna. Farcite con parte della crema preparata. Bagnate il secondo disco su entrambi i lati facendo molta attenzione a non romperlo e posizionatelo sopra al primo. Farcite il secondo disco, bagnate il terzo e riponetelo sul secondo. Facendo molta attenzione a non fare un disastro tagliate la superficie dell’ultimo disco disegnando un disco di qualche centimetro più piccolo e poi scavate con l’aiuto di coltello e cucchiaino ottenendo una base di circa 4 mm più bassa del bordo.

Montate 200 gr di panna aggiungendo due cucchiai di zucchero a velo e mezza bustina di pannafix. Con l’aiuto di una spatola ricoprite la torta, tranne la parte centrale in cui metterete la frutta. Mettete un po’ di panna nella sac a poché con un beccuccio a stella e decorate con dei ciuffetti il bordo della torta. Ricoprite la parte laterale della torta con della codetta.

Unite la panna e la crema pasticcera avanzata e andare a riempire l’incavo in cui posizionerete la frutta.

Tagliate la frutta a fettine e decorate la torta facendo i classici disegni concentrici o sbizzarrendovi come preferite. Coprite la frutta con la gelatina e lasciate riposare in frigo fino al momento di servire la torta!

 

 

Monte Bianco, un classico intramontabile <3

monte bianco - fiocchi di burro

 

Beeeeello l’autunno, principalmente per un motivo: io ho una grave dipendenza da castagne! …e quello che vedete è un buonissimo Monte Bianco che ho preparato per una serata fra amiche. ❤

Ci terrei a precisare che ce lo siamo meritate, perché le castagne –  da brave donne di montagna – siamo andate a raccoglierle noi… quindi bando ai sensi di colpa nel mangiare una cosa calorica e super piena di panna!!!

La realizzazione è molto meno complicata di quel che sembra, a condizione che teniate accesso il cervello, no perché io devo averlo spento nel momento in cui ho scolato le castagne. 😦 Nel caso non lo sappiate, la buccia delle castagne bollite rimane morbida se le lasciate a bagno nella loro acqua di cottura ancora calda, se le scolate, invece, nell’arco di mezzora vi sembrerà di dover togliere la buccia ai sassi… alla fine avevo un dito che tendeva al bordeaux.

Ingredienti:

  • 700 gr di castagne già cotte e sbucciate (domando perdono, ho dimenticato di pesarle crude 😦 )
  • 200 ml di latte
  • 3 cucchiai di zucchero (potete metterne anche di più o di meno a seconda dei vostri gusti)
  • 30 gr di cacao amaro
  • 1 bustina di vanillina
  • 1 pizzico di sale
  • 1 spruzzata di grappa o di rum
  • 300 ml di panna da montare
  • 2 cucchiai di zucchero a velo
  • NOTA DI SERVIZIO: vi serve uno schiacciapatate e sarebbe meglio avere anche un passaverdura.

Preparazione:

Fate cuocere le castagne in acqua salata per 20/30 minuti – dipende dalla dimensione –  in una pentola a presssione. Una volta cotte lasciatele in acqua tirandone fuori poche per volta e privatele sia della buccia che della pellicina.  Se non volete fare tutto in una volta, questa operazione può essere fatta tranquillamente il giorno prima.

Mettete le castagne in pentola con latte, 1 pizzico di sale, lo zucchero e la vanillina e fate cuocere finché le castagne non avranno assorbito il latte.

Passate le castagne con un passaverdura (potete anche schiacciarle a mano, ma chiaramente passandole avrete un composto più omogeneo) e aggiungete al composto il cacao.

A questo punto scegliete il piatto da portata, volendo potete decorarlo con del cacao, mettete il composto nello schiacciapatate e create una montagna di vermicelli.

Montate la panna con due cucchiai di zucchero a velo, mettetela in una sac à poche col bocchetto che preferite e ricoprite interamente o parzialmente la vostra montagna.

Fate riposare in frigo e poi servite! Buon appetito! ^^

…e grazie Marg per le foto! ❤

montebianco - fiocchi di burro

Tronchetto di Natale vol. 2

tronchetto - fiocchi di burro

 

E come sempre, alla fine arriva lei.. l’influenza. E allora visto che sono troppo sfasata per cucinare e ho avuto delle difficoltà a far bollire degli spinaci.. sfrutterò l’agonia nella coperta per scrivere un po’ sul mio povero semi abbandonato blog!

Questo dolce l’ho fatto per Natale… ma direi che va bene anche per l’ultimo dell’anno… anzi, se siete di fretta fa una gran scena (a meno della mia foto che è discretamente venuta male :P) e non ci vuole molto a prepararlo… tra l’altro per i più ritardatari va benissimo anche una farcitura di nutella, rapida e indolore.

Io ci ho messo tre ore… ma io mi perdo via.. e poi io ne ho fatti due, i Tronchetti Twins!

tronchetti twins - fiocchi di burro

Io ne ho fatti due, però di biscuit ne ho fatto uno solo e dopo averlo farcito l’ho diviso a metà… diciamo che da un biscuit vi vengono 12 fette circa, dipende da quanti siete e da quanto mangiate… 😛 io lo consiglierei per 8 persone, non sia mai che se no non basti!

Per la ricetta del biscuit vi rimando al tronchetto dell’anno scorso, qui.

Quanto alla farcitura… quest’anno ho messo in atto un ipercalorico rimedio al fatto che la ganache rimane troppo asciutta quando si solidifica e che le creme classiche tendono a “scappare” fuori dal tronchetto… ho ceduto alle tentazioni della crema di burro.

Ingredienti per la crema di burro al cioccolato:

  • 180 gr di cioccolato fondente
  • 200 gr di burro
  • 1 bustina di vanillina
  • 240 gr di zucchero (e qui si apre un dibattito, la ricetta vorrebbe l’utilizzo dello zucchero a velo per ottenere una crema vellutata… io però adoro lo scricchiolio croccante dei granelli di zucchero e quindi solitamente mischio lo zucchero a velo con lo zucchero normale)

Preparazione: 

Fate sciogliere il cioccolato a bagnomaria, nel mentre prendete il burro ammorbidito a temperatura ambiente e unitelo allo zucchero, montate il composto, incorporate il cioccolato fuso e lasciate riposare in frigo per una ventina di minuti. La crema non deve solidificarsi, deve solo raffreddarsi un po’, altrimenti non riuscirete a stenderla per farcire il biscuit.

Quando sia la crema che il biscuit si sono raffreddati farcite, arrotolate, tagliate i bordi e utilizzateli ripiegati per fare un rametto laterale per il vostro tronchetto.

A questo punto potete decidere di decorarlo come preferite… potete limitarvi a una spruzzata di zucchero a velo, potete glassarlo con del cioccolato oppure potete ricoprirlo di panna, perché tanto è natale e non ci facciamo mancare niente!! In questo caso vi servono…

Ingredienti per la decorazione:

  • 300 gr di panna fresca
  • 40 gr di zucchero a velo
  • 40 gr di cacao amaro
  • 1 bustina di pannafix
  • 1 sac à poche col beccuccio a onda

Montate la panna, dopo circa 30 secondi aggiungete il pannafix e lo zucchero, continuate a montare aggiungendo il cacao. Riempite la sac à a poche e ricoprite il dolce. Le ondine faranno un carinissimo effetto tronco e la panna renderà il dolce più gustoso!! ^_^

Aggiornamento: foto del tronchetto di Natale vol. 3, quello di quest’anno è uguale a quello della ricetta ma è più grande!! ^^

tronchetto di natale - fiocchi di burro

Torta Saint Honoré!


Fiocchi di burro - Saint Honoré

L’ho fatta io. Con chili di orgoglio. E chili di uova. 20 credo. :O E circa 7 ore di vita tra bigné, pan di spagna, creme, panna, assemblaggio…

Alla fine però non è difficile come sembra, basta avere tempo, calma e gli attrezzi giusti. Io uso le sac à poche usa e getta, ve ne servono almeno 5, poi vi servono un po’ di beccucci per la sac à poche, io ho usato i due a “stella” di misure diverse, uno per la panna e l’altro per le creme, mentre per riempire i bigne basta un beccuccio dritto o una siringa per dolci e direi che vi servono anche dei coltelli lunghi o delle spatole per stendere le farciture.

Ingredienti (per una torta da 26 cm di diametro):

  • 8 bigné, se piccoli anche 10
  • 2 o 3 dischi di pan di Spagna (io ho ricavato due dischi dal primo pan di spagna infornato e un disco dal secondo, fatto con metà delle dosi)
  • tanta crema pasticcera, io ho usato il doppio delle dosi indicate qui e l’ho usata quasi tutta.
  • 5 cucchiai di cacao circa
  • 400 ml di panna montata (io consiglio di procurarsene anche 600 ml, dipende un po’ da come decidete di farcire la torta)
  • 1 bustina di pannafix (mica che mi si smonta l’opera d’arte!)
  • 3 cucchiai di zucchero a velo
  • 100 ml d’acqua, 70 gr di zucchero e 40 ml di alcol di per dolci per fare la bagna

Preparazione: 

Io ho iniziato la sera prima preparando i bigné, il pan di spagna e la crema pasticcera, così hanno avuto tutta notte per raffreddarsi. Potete farlo chiaramente anche di giorno, però è meglio che tutto riposi un paio d’ore.

Preparate la bagna scaldando sul fuoco acqua e zucchero e aggiungendo solo alla fine l’alcol. Lasciate raffreddare.

Prendere i bigné e farciteli con la crema pasticcera usando una sac à poche con beccuccio dritto o una siringa per dolci.

Bagnate i dischi di pan di spagna con la bagna.

Farcite il primo disco con la crema pasticcera, coprite col secondo disco. Prendete la stessa quantità di crema e accorpatevi due o tre cucchiai di cacao e farciteci il secondo disco. Coprite col terzo. Se fate solo due dischi scegliete la crema che preferite per farcire.

A questo punto montate la panna con lo zucchero a velo, dopo circa 30 secondi aggiungete la bustina di pannafix e continuate a montare finché non raggiunge una consistenza abbastanza solida. Con l’aiuto di una spatola e o di un coltello a lama lunga rivestite tutta la torta di panna. Fate attenzione nello stendere la panna, meglio abbondare e poi togliere la panna in eccesso, mettendone poca il rischio è che spalmandola si attacchi al coltello sollevando e portando in giro un sacco di briciole di pan di spagna.

Mette i bigné cercando di farli ben aderire alla torta.

Mettete la panna rimasta nella sac à poche con beccuccio a stella (quello più largo) e fate dei fiocchetti tra un bigné e l’altro. Siccome la mia torta è rimasta curva e non dritta come quelle di pasticceria, non ho potuto mettere i bigné proprio sul bordo perché sarebbero stati troppo in pendenza, allora ho fatto un giro di panna anche sul bordo della torta, attorno ai bigné.

Ora riempite una sac à poche con beccuccio a stella (quello più stretto) con dell’altra crema pasticcera con aggiunto il cacao, e fate tre strisce nel cerchio interno ai bigné. Fate poi delle striscioline verticali sulla parte laterale della torta, lasciando gli spazi per l’altra crema. Utilizzando lo stesso beccuccio riempite gli spazi rimasti con 4 strisce di crema pasticcera (se vi è avanzata della panna potete mischiarle) sulla parte superiore della torta e andate poi a riempire anche tutti gli spazi rimasti sulla parte laterale.

Conservate in frigo finché non è ora di servirla!

Con questa ricetta, visto che le piacciono i dolci buoni e tradizionali, partecipo alla raccolta di Emanuela di Dolci Ricette..