Feed RSS

Archivi categoria: Secondi di carne

Pancetta arrosto e mele

Pancetta con le mele - fiocchi di burro

Visto che arriva il freddo, direi che possiamo ricominciare con le ricette maialose che piacciono tanto a me… questa è nata un po’ per caso, è che quelle confezioni di pancetta tagliata spessa al supermercato sono così invitanti anche se non ho mai saputo bene cosa farci… e quando non so cosa fare con qualcosa io ci metto delle spezie. Funziona sempre 😉

Ingredienti (per due persone):

  • 6-8 fette di pancetta
  • 4 prugne secche
  • 1 cucchiaino di miele
  • erbe (timo, maggiorana, rosmarino)
  • 10 cl di vino bianco
  • coriandolo
  • sale e pepe
  • aceto agrodolce

per le mele:

  • 3 mele gialle
  • curcuma
  • zenzero
  • peperoncino
  • 1 cucchiaino di miele
  • 1 noce di burro
  • sale

Preparazione:

Sbucciate le mele, privatele del torsolo e tagliatele a cubetti. Fatele saltare in padella con una noce di burro, unite il miele e le spezie (non esagerate con lo zenzero), salate leggermente, aggiungete dell’acqua e lasciate cuocere fino a quando il composto si sarà asciugato e con una forchetta potrete ridurre le mele in purea.

Rosolate la pancetta in una padella antiaderente senza aggiungere condimenti, quando sarà rosolata bagnate col vino e lasciate evaporare. A questo punto aggiungete mezzo bicchiere d’acqua, fate sciogliere il miele in padella, unite le erbe e le spezie, le prugne tagliate a cubetti e una spruzzata di agrodolce, coprire e lasciate cuocere qualche minuto, tempo che l’acqua evapori. Cuocete ancora un minuto togliendo il coperchio, per far arrostire meglio la carne.

Impiattate e servite bollente!

 

 

Annunci

Crunchy cornflake chicken (ma va bene anche il maiale)

crunchy cornflake chicken - fiocchi di burro

Ebbene sì, illuminato dalla luce divina. L’ho visto in un video un anno fa.. non l’ho mai provato in giro… ci ho pensato, ripensato.. e se puzza di fritto? e se si staccano? e se viene male? e se… e se mi viene in mente una cosa a un certo punto mi si fissa e o la faccio o la faccio, sennò impazzisco. E allora l’altro giorno mi sono fatta coraggio, supportata dalla bella giornata e dal poter aprire le finestre in caso di disastro e l’ho fatto! Ed è stato facilissimo, a prova di idiota, velocissimo, fritto pochissimo, buono da morire.. insomma, potrei quasi mangiarlo tutti i giorni!!

Io preferisco il pollo, ma avevo della lonza in freezer e memore del fatto che qua spesso la cotoletta impanata la si fa anche col maiale ho usato entrambe le carni. Preparazione e cottura vi portano via mezzora a voler fare le cose con calma.. e davvero, ma davvero davvero… ne vale la pena.

Potete accompagnarli con della verdura fresca come ho fatto io con insalata e pomodori o con delle verdure cotte, con delle patatine fritte o solo con un sacco di salse!!  e potete anche farli a bastoncini e presentarli come un adorabile fingerfood per un antipasto o un aperitivo!

Ingredienti (per 4 persone):

  • 400/500 gr di carne  (petto di pollo o lonza di maiale)
  • 150 gr di cornflakes (quelli lisci di mais eh, non impanatemi la carne con i chococrispies!) !!!Attenzione ai cornflakes, io do sempre per scontato che tutti gli ingredienti debbano essere certificati senza glutine, ma in questo caso lo specifico perché non vorrei che qualcuno pensasse che tanto sono di mais e uno vale l’altro, quelli del supermercato hanno abbondanza di ingredienti che non si possono mangiare!!!
  • 2 uova
  • 100 gr di farina di mais finissima (io ho usato la Nutrifree ma se non siete celiaci va bene anche una farina classica, però quella di mais è più buona!)
  • misto di spezie a scelta (io ho usato un misto cajun molto profumato e un po’ piccante, comunque il concetto è che se vi piacciono potete mettere pepe, paprika, qualche erba tipo timo e maggiorana..)
  • 1 cucchiaio di panna fresca
  • sale
  • olio d’oliva (non evo perché per friggere è un po’ pesantino, ma almeno è più buono di quello di semi, tanto non dovete friggere a immersione)

Preparazione:

Dovete battere la carne. Se non avete un pestacarne (lo chiama così anche il resto del mondo??) abbiamo un problema… spero abbiate comprato delle fette tagliate fini – se non avete un pestacarne compratelo, vi tornerà utile!

Se le fette sono diventate troppo grandi tagliatele a pezzi, sono molto più comode da cuocere se non hanno le dimensioni di un lenzuolo.

Ora preparate tre piatti fondi: in uno sbattete due uova e salatele, in uno mettete la farina e mischiatela con le spezie, nell’ultimo mettete i cornflakes e schiacciateli per ottenere dei pezzetti più piccoli.

Prendere la carne e passatela prima nell’uovo e poi nella farina. Lasciatela riposare 5/10 minuti, magari anche in frigo, per far si che l’impanatura si stabilizzi. Aggiungete un cucchiaio di panna fresca alle uova (se non volete aprirla apposta penso non succeda niente usando un cucchiaio di latte, uno però! se no viene liquido l’uovo), riprendete la carne, passatela nell’uovo e poi nei cornflakes. Fate pressione coi polpastrelli facendo aderire bene i cornflakes alla carne, devono rivestirla, altrimenti potrebbero saltare via. Lasciate riposare in frigo altri 5/10 minuti.

In una padella ampia scaldate l’olio – 2 o 3 mm di olio, la carne ce la appoggiamo, non la dobbiamo affogare, l’abbiamo battuta apposta – e controllate che sia caldo al punto giusto usando un cornflake come tester, quando lo buttate nell’olio l’olio deve fare le bollicine. Fa le bollicine? prendete la carne e mettetela in padella. Lasciatela cuocere nell’olio che sfrigola finché il lato inferiore non diventa ben dorato e croccante, dovrebbero volerci uno, due minuti al massimo. Girate e lasciate dorare anche dall’altro lato. Scolate su della carta da fritto o su della carta assorbente, impiattate e servite.

Fa un figurone, piace a grandi e bambini, è un fritto sano e leggero perché comunque l’olio frigge per poco tempo e l’impanatura non è delle più unte ed è buonissimo e supercroccante, velogggiuro, ma buono buono buono. Fatelo.

Se siete celiaci soprattutto, fatelo. E mandate al diavolo quelli che vi dicono “ooohh ma come faiii? chissà come mangi male”.

crunchy cornflake chicken - fiocchi di burro

Ah! Se vi avanzano uovo e farina mischiateli e fateli cuocere nell’olio di cottura della carne, vi verrà una sottospecie di cutizza speziata!! E’ superbuona pure quella 😉

BBQ ribs e patate al cartoccio!

-fiocchi di burro - bbq ribs

Ho lasciato indietro troppe ricette e trascurato troppo questo blog. BASTA! Questa ve la posto mentre la digerisco…

Oddio, per postarvela mentre la digerisco credo sarei in tempo anche domani o dopo :O

Cooomunque, non è che si può sempre andare al Roadhouse, finisce che prendi le ribs, patate al cartoccio, nachos, patate fritte, due alette di pollo, ma si dai il dolce… e poi muori. Io mi sono strafogata ma almeno ho mangiato solo carne e patate.

Il procedimento richiede circa 3 ore e mezza, ma siccome fa quasi tutto il forno l’unica fatica richiesta è di metterci la presenza fisica…  e anche la prestanza fisica, ma quella dopo, tipo ora. Aiuto. Non digerirò mai. Ho mangiato troppissimo.

Ingredienti (per due persone): 

  • 1 kg di ribs
  • 4 patate di taglia media
  • misto per il massaggio a secco (io ho usato sale, zucchero di canna, paprika, peperoncino, pepe, cumino, coriandolo)
  • salsa barbeque q.b. (direi mezza bottiglietta)
  • burro
  • curry (facoltativo)

Preparazione: 

Preparate il misto di aromi e mettetelo sulla carne massaggiandola, se avete tempo sarebbe meglio impellicolarla e lasciarla riposare qualche ora, io siccome già ci vuole tanto così non lo faccio mai 😛

Prendete le patate, foratele con una forchetta o con un coltello e avvolgetele nella carta stagnola, dopodiché riponetele sul fondo del forno. Cuoceranno con la carne, date giusto una girata di tanto in tanto per non farle cuocere troppo da un lato e poco dall’altro.

Mettete le ribs in una teglia e lasciate la parte con l’osso rivolta verso il basso. Senza aggiungere grassi, cuocete la carne in forno a 120° per circa un’ora e mezza senza coprirla. Girate le ribs dall’altro lato e cuocete ancora mezzora. Rigirate dal lato giusto, coprite la teglia e fatele cuocere coperte per ancora un’ora. Ora potete irrorare la carne con la salsa bbq e poi ripassarla in forno per gli ultimi 15 minuti.

A questo punto prendete le patate, apritele nel senso della lunghezza e con l’aiuto di un coltello mischiate la polpa della patata con una noce di burro e un pizzico di sale (e se volete del curry). La consistenza della patata, simile a quella del puré, vi renderà facile l’operazione.

Impiattate e servite con una fila di ribs!! Buona mangiata!! 😉

Riso Thai con pollo e verdure al curry

Fiocchi di burro - riso thai con pollo e verdure al curry

 

Io adoro il cibo asiatico… nel caso non si fosse ancora intuito 😛 E adoro il curry… il merito va a mio fratello, che con costanza nella somministrazione mi ci ha resa dipendente! Ora in casa ho 4 tipi di curry diversi, quello classico da supermercato, quello assassino che pizzica tantissimo, quello un po’ più saporito e salato… e quello verde thailandese, protagonista di questa ricetta.

Se siete veloci questo piatto lo preparate in mezzora, ma vi darà grandi soddisfazioni! ^^

Ingredienti (per 4 persone):

  • 300/350 gr di riso thai jasmine
  • 3 carote
  • 3 zucchine (anche due, dipende dalle dimensioni)
  • 1 porro
  • 300 gr di petto di pollo
  • 30 ml di salsa di soia (io ho usato la salsa di soia Tamari della Lima che è senza glutine, fatte attenzione che molte contengono farina di frumento!)
  • 2 cucchiai di curry verde (potete usare anche il curry normale, non ha gli stessi ingredienti ma è buono comunque)
  • spezie a piacere: io ho aggiunto curcuma, coriandolo, pepe, paprika e un po’ di curry classico
  • olio evo
  • sale

Preparazione:

Mettete a bollire l’acqua per il riso e intanto tagliate a cubetti tutte le verdure. Iniziate col far appassire in padella con dell’olio prima il porro, che ci metterà un po’ di più a cuocere. Dopo circa 5 minuti aggiungete anche carote e zucchine. Aggiungete la salsa di soia e le spezie e lasciate cuocere a fiamma vivace per una decina di minuti. Tagliate a pezzetti, cubetti, striscioline – come preferite – il petto di pollo e aggiungetelo alle verdure facendo cuocere tutto ancora qualche minuto. Aggiustate di sale se necessario, dipende molto da quanto sono salati la vostra salsa di soia e il vostro curry.

Il riso thai io lo faccio cuocere in acqua bollente salata esattamente come il riso normale… la preparazione tradizionale in cui il riso assorbe l’acqua secondo me, con la pentola sbagliata, rischia di finire in tragedia.

Impiattate tenendo separati il riso e le verdure col pollo… il riso col coppapasta potete anche evitarlo, è che io ho comprato un coppapasta mille mesi fa e volevo usarlo 😛

 

Polpettine finte e cavolfiore

Polpette finte e cavolfiore

 

Ahh… questa tesi. Oggi ho deciso di fare pausa e aggiornare il blog… se no sembra che sono morta 😛

Questa è una ricettina che vi consiglio spassionatamente… è velocissima, semplice, esteticamente gradevole… e sa di maiale. Insomma, perfetta se avete ospiti e mezzora per fargli da mangiare. Io qui l’ho presentata da sola come secondo ma in realtà è ottima per condirci un bel piatto di spaghetti!!! …e se volete colorarli un po’ potete aggiungere qualche pomodorino a cubetti (io li avevo finiti, muu ).

Ingredienti: 

  • 300 gr di salsiccia
  • 1 cavolfiore piccolino
  • 1 scalogno piccolo
  • olio evo
  • sale e pepe
  • paprika
  • qualche pomodorino (se volete)

Preparazione:

Lavate il cavolfiore e tagliatelo a pezzetti. Fatelo rosolare lo scalogno tritato in padella con l’olio, poi aggiungete il cavolfiore e fatelo saltare. Salate, pepate, aggiungete un bicchiere d’acqua, coprite e fare cuore 10/15 minuti.

Nel mentre spelate la salsiccia e fatene delle palline come se fossero polpette.  Quando il cavolfiore è quasi cotto aggiungetele e fate cuocere tutto coperto per qualche minuto. (se volete aggiungete anche i pomodorini a cubetti).

Se volete condirci la pasta, tenete da parte un mestolo di acqua di cottura e fate saltare la pasta in padella un paio di minuto aggiungendo se necessario un po’ dell’acqua messa da parte…. altrimenti…. servite con una spolverata di pepe e di paprika!

Scaloppine, spinaci al formaggio e cime di rapa saltate.

Fiocchi di burro -  scaloppine di maiale, spinaci e cime di rapa

 

Le scaloppine per un piatto veloce che non abbia il sapore della solita fettina cucinata di corsa sono perfette. Morbide, saporite e pronte in 5 minuti. Quanto ai contorni, questi sono quelli che ho scelto io, ma potete abbinarle al contorno che preferite!

Scaloppine

Ingredienti (per 2 persone):

  • 8 fettine di lonza di maiale (potete usare anche il vitello)
  • due cucchiai di farina
  • qualche goccia di limone
  • 20 dl di vino bianco
  • 2 noci di burro
  • sale
  • salvia (facoltativa, io non la mettò, mi da noia :P)

Preparazione:

Scaldate il burro in padella, passate le fettine nella farina da entrambi i lati e fatele rosolare in padella, salate,spruzzate col vino e qualche gioccia di limone e lasciate evaporare. Già pronte!!! Ci vuole un attimo in più rispetto al cuocere la fettina da sola ma il gusto cambia completamente!!

Spinaci al formaggio

Ingredienti:

  • 500 gr di spinaci
  • 30 gr di grana grattuggiato
  • olio evo
  • sale

Preparazione:

Pulite e lavate gli spinaci, fateli cuocere in acqua bollente salata dieci minuti. Scolateli e schiacciateli delicatamente con la forchetta per farne fuoriuscire l’acqua, fateli rosolare in padella con dell’olio, salateli leggermente e cospargeteli di formaggio, copriteli e dopo un minuto girateli e ripetete l’operazione. Saporiti, nutrienti e filanti!

Cime di rapa

Ingredienti:

  • 500 gr di cime di rapa
  • olio evo
  • sale
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 peperoncino secco

Preparazione:

Pulite e lavate le cime di rapa, cuocetele dieci minuti in acqua bollente leggermente salata, scolate e schiacciate delicatamente per far fuoriuscire l’acqua. In una padella scaldate dell’olio con aglio e peperoncino, fateli rosolare, aggiungete le cime, salatele leggermente e saltatele in padella per 5 minuti.

 

 

 

Stinco al Forno

Hell yeah! C’è altro da dire?! 😛

Io li ho accompagnati con patate al forno e crauti alla birra… cucinare questo piatto è uno dei pochi motivi ragionevoli per cui va bene alzarsi presto la domenica!!

Ingredienti (uno stinco può bastare per due persone o per una… dipende dalla persona in questione):

  • 2 stinchi di maiale
  • spezie e erbe aromatiche (io ho usato pepe nero, verde, timo, maggiorana, alloro, rosmarino, salvia)
  • 2 bicchieri di vino rosso
  • olio evo
  • sale

Per le patate:

  • 8 patate di medie dimensioni (le patate al forno non bastano mai!)
  • sale, pepe, erbe
  • olio evo

Per i crauti:

  • 1/2 ceppo di crauti
  • 33 cl di birra (io, dovendo usare quella senza glutine, ho usato l’Estrella Daura)
  • semi di cumino
  • 1 cipolla
  • olio evo
  • sale

…se vi state chiedendo perchè lo stinco col vino e i crauti con la birra.. le risposte sono due: la birra senza glutine non è così buona da cuocerci della carne, a mio avviso, ma soprattutto.. io lo stinco lo preferisco cotto nel vino. E i crauti col vino non sono certo buoni. Ecco 😛

Preparazione:

Per la carne:

Massaggiate la carne con sale e pepe e lasciatela a bagno tutta notte col vino e gli odori (io non ho messo l’aglio perché trovo che resti pesante, ma si può mettere).

Il giorno dopo rosolate in padella con un filo d’olio gli stinchi, così non disperderanno succhi durante la cottura e la carne resterà più tenera e poi riponeteli in forno in una teglia con un filo d’olio, il vino e gli odori in cui li avete fatti marinare. Cuocete a 200° per un’ora, girandoli sull’altro lato dopo 30 minuti di cottura, coprendo la teglia con della stagnola. Dopo un’ora cuocete un’altra mezzora, 15 minuti per lato, a teglia scoperta.

Per le patate:

Pelate le patate, tagliatele a pezzettoni, lasciatele a bagno in acqua salata almeno 30 minuti. Poi scolate, condite con olio, sale, pepe e erbe a piacere e infornate per un’ora a 180°. Verso la fine potete aumentare la temperatura per farle dorare di più.

Per i crauti:

Tritate la cipolla e mettetela a rosolare con dell’olio, tritate i crauti a listarelle e aggiungeteli alla cipolla, irrorate con la birra (se necessitano di più liquidi potete a scelta aggiungere più birra, dell’acqua o del brodo), salate, pepate, aggiungete una manciata di semi di cumino e fate cuocere finché i crauti non diventano morbidi, ci vuole circa un’ora.

Affettate lo stinco, impiattate con patate e crauti e servite!! Gnaaam 🙂